Hotel & dependance 

Marano Lagunare

Regione: Friuli-Venezia Giulia
Altitudine: 2 m s.l.m.
Superficie: 90,26 km²
Abitanti: 2007 (04-2009)
Nome abitanti: maranesi
Santo patrono: San Martino
Giorno festivo: 11 novembre

La cittadina di Marano Lagunare è raggiungibile da Lignano Sabbiadoro facilmente via mare e costituisce per tutti i vacanzieri una gita obbligatoria. Diverse motonavi effettuano infatti gite giornaliere da Lignano a Marano, alla scoperta della città, della splendida laguna e dei sapori tipici del mare.

A Marano si trovano ancora oggi tanti palazzi dell'epoca della Serenissima.

La città infatti fu uno dei centri della Repubblica di Venezia e uno dei più importanti palazzi visibile ancora oggi è la Loggia Maranese, una loggia chiusa con bugnato in pietra d'Istria, dove la comunità si riuniva. Accanto alla Loggia si osserva la cosiddetta Torre Millenaria, alta 32 metri, di cui si hanno le prime notizie nel 1066. È probabile che in principio fosse stata una torre d'avvistamento. Tutti i suoi lati sono ornati da busti di vari provveditori del paese. La Torre è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 1976 e la parte superiore è stata ricostruita. Sulla stessa piazza si affaccia infine il Palazzo dei Provveditori, abitazione dei governatori della fortezza, oggi ospitante una mostra di oggettistica.

 

Di grande importanza è però la laguna di Marano, le cui notevoli variazioni di salinità offrono ai visitatori zone ambientali diverse con diversi tipi di vegetazione e di avifauna. Per questo motivo all'interno della laguna si trovano due riserve naturali regionali: la riserva naturale regionale Foci dello Stella e la riserva naturale regionale Valle Canal Novo.

 

Riserva Foci dello Stella:

La riserva naturale Foci dello Stella comprende il delta del fiume Stella e la zona lagunare circostante; trattasi di un esteso e rigoglioso canneto intersecato da una tortuosa rete idrica che si protrae dolcemente in laguna. Il canneto è in effetti una costante e notevole espressione della riserva delle Foci dello Stella. Il cuore della riserva rappresenta un esempio unico: la foce di un fiume di risorgiva situata in una zona lagunare. Motivo di elevato pregio naturalistico è la presenza avifaunistica: numerosi, sia per specie che per quantità, uccelli popolano e animano tutto l'ambiente. Molti vi sostano durante le migrazioni, tanti vi trascorrono l'inverno ed altri ancora lo scelgono per nidificare, come l'airone rosso e il falco di palude.

Questa zona è la preferita dagli amanti del bird watching, poichè tra i canneti e i canali si possono scorgere uccelli stupendi nel loro habitat naturale. Lo stesso territorio è un soggetto interessante da fotografare, poichè ogni raggio di sole si riflette sull'acqua e ogni sospiro di vento fa increspare le onde e ondeggiare le canne, cambiando l'intero paesaggio.

La Riserva naturale delle Foci dello Stella è accessibile solo via acqua, quindi la visita si effettua solamente in barca.

 

Riserva Valle Canal Novo:

La riserva naturale Valle Canal Novo è costituita da una ex valle da pesca di circa 35 ettari e da alcuni terreni seminativi di un'adiacente bonifica. La valle si presenta come un'area lagunare con specchi d'acqua, interdetta alla marea da argini perimetrali. L'aspetto prevalente è quello di una palude salmastra; infatti la valle non riceve apporti d'acqua dolce dall'entroterra, ma solamente attraverso le precipitazioni meteoriche e da tre pozzi artesiani. La gestione delle acque dolci provenienti dai pozzi e la realizzazione di alcune opere in terra hanno permesso di differenziare la salinità da zona a zona e, di conseguenza, d'incrementare la biodiversità della valle, offrendo un'ampia panoramica vegetativa e avifaunistica a tutti i visitatori.

In questa valle è possibile effettuare diversi percorsi via terra tra casoni, osservatori panoramici e una suggestiva passerella che si inoltra nell'acqua.

 

Una gita nella laguna di Marano vi permetterà di scoprire i casoni, le tipiche abitazioni dei pescatori, molte delle quali ora sono adibite a ristoranti, in cui gustare ottimi piatti di pesce appena pescato e preparato secondo semplici ricette tradizionali.